Home 9 Focus 9 #13 Duke | Preseason Top 25 | 2021-22

#13 Duke | Preseason Top 25 | 2021-22

Paolo Banchero AJ Griffin Duke
Autore: Giovanni Bocciero
Data: 30 Set, 2021

Roster

RTGIOCATOREPOSCMCLASSEANNOPTSREBAST
A1Jeremy RoachPG1902001So.8.72.22.8
A2Wendell MooreSG1982001Jr.9.74.82.7
A3AJ GriffinSF2002003Fr.---
A4Paolo BancheroPF2082002Fr.---
A5Mark WilliamsC2112001So.7.14.50.7
B1Joey BakerG-F2002000Sr.2.91.20.4
B2Theo John (a Marquette)PF2061998Gr.8.05.01.2
B3Bates Jones (a Davidson)F2031999Gr.2.62.60.8
B4Trevor KeelsSG1952003Fr.---
B5Jaylen BlakesPG1902003Fr.---
B6Keenan WorthingtonF2042000Jr1.51.00.0
B7Michael SavarinoG1882001Jr.0.50.50.5

La squadra

Questa sarà una stagione davvero particolare per Duke, vista l’uscita di scena di Mike Krzyzewski, coach leggendario per il quale si prepara un lungo tour di commiato nei vari campi in cui giocheranno i suoi Blue Devils. Una ragione in più per evitare passi falsi e ripetere un campionato disastroso come quello scorso, nel quale è mancata la qualificazione al torneo Ncaa dopo ben 24 anni consecutivi.

Jon Scheyer erediterà la panchina di Durham ed è stato tra i principali reclutatori di Duke negli ultimi anni. A lui si deve se il nostro Paolo Banchero ha scelto Duke. E quest’anno spetterà proprio all’italiano riscaldare i cuori dei Cameron Crazies. Nel frontcourt farà coppia con Mark Williams, un sette piedi che l’anno scorso ha chiuso la stagione in crescendo: 16.6 punti, 7.8 rimbalzi e 1.6 stoppate nelle ultime 6 gare.

Duke lo scorso anno non ha avuto grandi problemi in attacco (#18 in Division I e #2 nella ACC per Adjusted Offense) ma in difesa ha mostrato grosse lacune (#79 in D-I e solo #10 nella ACC per Adjusted Defense). Per aiutare a porre rimedio al problema c’è il transfer Theo John da Marquette, il quale porterà fisicità e solidità al reparto lunghi. L’altro prospetto tanto atteso è A.J. Griffin: non potrà sostituire il partente Matthew Hurt in quanto a pericolosità dal perimetro, ma ha comunque tanti punti nelle mani ed è un’altra aggiunta difensiva di spessore dato che con quel fisico può marcare praticamente chiunque.

Il backcourt è forse il reparto con più incognite. Premesso che, rispetto alla squadra dello scorso anno, nessuno si è reso indispensabile, neppure il partente D.J. Steward, le rotazioni dovrebbero premiare l’esperienza. E allora Jeremy Roach e Wendell Moore saranno i titolari, con Joey Baker utile per alzare il quintetto e i freshmen Trevor Keels e Jaylen Blakes pronti a sfruttare le occasioni che si presenteranno. Soprattutto Keels, reputato una guardia prolifica ma anche un arcigno difensore, potrebbe ritagliarsi tanto spazio.

Mark Williams

Mark Williams ha fatto vedere grandi cose nell’ultimo scorcio della sua stagione da matricola: se dovesse confermarsi, per Duke sarebbe una gran pedina da affiancare a Paolo Banchero nel reparto lunghi

Giocatori in evidenza

Paolo Banchero sembra essere la cosa più vicina ad un extraterrestre. 2.08 m per 113 kg con un wingspan da 215 cm, alle ottime misure fisiche bisogna poi associare le capacità tecniche: queste, sotto certi aspetti, sono ancora più incredibili. Lungo versatile, dinamico, con visione di gioco. Al liceo faceva praticamente tutto. Attacca dal palleggio sfruttando dimensioni e agilità, tira dalla distanza con grande fluidità. In difesa sa contenere le penetrazioni e sotto canestro fa valere la forza fisica. Ha ancora margini di miglioramento, e questo lo rende la papabile prima scelta assoluta al prossimo Draft.

Altro giocatore multidimensionale, A.J. Griffin potrebbe essere l’ago della bilancia per le sorti di Duke. Iniziamo dalla difesa, dove la struttura fisica e l’agilità gli possono permettere di difendere praticamente su tutte e cinque le posizioni. Buon trattatore di palla, usa il fisico per attaccare il ferro e spostare gli avversari. Magari al college potrebbe sentire il contraccolpo del trovare avversari più grossi di quelli affrontati finora, ma ha un controllo del corpo che comunque lo rende un attaccante temibile. Il tiro da tre non è la sua arma principale, anche perché ne ha fatto poco uso. Ciò non toglie che non sia capace di colpire anche dalla distanza.

ACC Power Ranking

FASCIA 1
1. Duke
2. North Carolina
3. Florida State
FASCIA 2
4. Virginia Tech
5. Virginia
6. Syracuse
7. Louisville
FASCIA 3
8. Georgia Tech
9. NC State
10. Notre Dame
11. Miami
12. Clemson
FASCIA 4
13. Pitt
14. Wake Forest
15. Boston College

>>> LE SQUADRE DELLA TOP 25 <<<

 

Articoli correlati

Coach Dawn Staley, il deus ex machina di South Carolina
Coach Dawn Staley

Dietro il successo di South Carolina c'è lei: coach Dawn Staley, allenatrice dai tanti record e con una passione per Leggi tutto

JD Davison, il cavallo pazzo cresciuto nel nulla
JD Davison - Alabama

Due gambe esplosive, ma ancora tanto da lavorare sulle scelte: ecco JD Davison, uno spettacolo in campo aperto.

Wendell Moore e la leadership di Duke
Wendell Moore

Dopo una stagione difficile e una di promesse smorzate da tante sconfitte, Wendell Moore Jr. è finalmente il leader che Leggi tutto

Da Zach Edey a Tari Eason, i migliori da inizio stagione
Tari Eason - LSU

La sorpresa di LSU Tari Eason, i freshman Paolo Banchero e Jabari Smith o il super rimbalzista Oscar Tshiebwe. Ecco Leggi tutto

Da Johnny Davis a Walker Kessler, la Top 5 dei sophomore
Walker Kessler

Non tutti i prospetti sono fatti per esplodere al primo anno: da Johnny Davis a Walker Kessler, i migliori 5 Leggi tutto